Box doccia: alcuni consigli per scegliere il più adatto

box doccia lussoNegli anni ’80 e ’90, la vasca da bagno era l’accessorio che non poteva mancare nell’arredamento di una casa. Più di recente, abbiamo assistito a un decisivo cambio di rotta e sempre più ci siamo orientati verso un nuovo modo di procedere alla pulizia personale, più veloce e, secondo molti, anche più igienico: il box doccia.

Sei anche tu una delle tante persone che preferisce la doccia al bagno?

Fortunatamente, quando giunge il momento di scegliere il box doccia per il bagno, è piuttosto facile trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze, in termini di spazio e utilizzo, e ai propri gusti, in materia di estetica e arredo bagno. In commercio esistono, infatti, decine di modelli diversi, dalla cabina doccia tradizionale, semplice e sobria a quella multifunzionale e accessoriata con un ampio assortimento di funzioni.

Tra i vari dettagli di cui è preferibile tener conto prima di comprare il tuo nuovo box doccia, vale sicuramente la pena valutare le funzionalità del soffione, un elemento che in passato è stato a torto trascurato. Oggi, non ci si limita più al semplice getto d’acqua posizionato sopra le nostre teste o al massimo estraibile, ma si parla di vere e proprie colonne doccia, vale a dire pannelli che, al soffione principale, integrano un numero variabile di idrogetti orientabili con diverse funzioni, ad esempio l’idromassaggio o l’effetto pioggia, per un comfort davvero alto. Ecco che per la doccia del mattino si sceglierà un getto potente che, con il suo massaggio energico, vada a risvegliare i muscoli ancora intorpiditi dal sonno notturno. Al contrario, alla sera, si opterà per una doccia più orientata al rilassamento con un piacevole idromassaggio sulla schiena o un delicato effetto pioggia, magari aromatizzato con una fragranza rilassante. Che ne dite della lavanda, famosa per le sue proprietà calmanti?

Più potente e performante è la doccia che scegliamo, più resistente ed ermetico dovrà essere il box che la racchiude. Dimenticavi, dunque, delle tende da doccia, un modo sicuramente obsoleto e poco elegante per rifinire lo spazio della doccia.
Meglio scegliere un box doccia in vetro.

È proprio questa una delle tendenze più in voga nell’arredo bagno degli ultimi anni. Ed è così che il box doccia si è trasformato in una vera e propria icona di stile ed eleganza, un elemento d’arredo che può realmente fare la differenza e trasformare il bagno in uno degli ambienti più trendy della casa. Non è un caso che architetti e designers abbiamo aperto le porte della loro creatività per dare vita alle cabine doccia più originali e d’effetto.
Chiaro che, quando c’è lo zampino di un grande nome e quando si parla di oggetti di design, i prezzi tendono a lievitare. Tuttavia, è ancora possibile trovare soluzioni per la doccia di qualità e

stile a prezzi accessibili. Il mercato si è però spostato online, come per molti altri settori merceologici.

Attualmente la “disputa” è tra il classico box doccia con telaio e i nuovi modelli senza profili (in inglese frameless). Entrambi i prodotti hanno dei vantaggi e dei lati negativi che è bene valutare con atte

nzione prima di fare la propria scelta. Sicuramente i box doccia senza telaio sono esteticamente più belli ed eleganti, mancando la struttura in metallo: sono però più costosi e difficili da montare. I box doccia con telaio sono, invece, più convenienti da un punto di vista economico, però risultano più difficili da pulire perché sporco e calcare tendono ad annidarsi proprio nei profili metallici. In ogni caso, è consigliabile rivolgersi a esperti del settore che, dopo un sopralluogo accurato, sappiamo valutare le nostre esigenze e darci le indicazioni più giuste
.

Informazioni su Ristrutturando_casa

la passione per le ristrutturazioni e la decorazione d'interni, il design e l'architettura.
Questa voce è stata pubblicata in bagno, ristrutturare la casa, ristrutturazioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *