Una lampada da parete, o applique, per illuminare la casa

lampada da parete corniceOgni progetto di illuminazione, anche si tratti del posizionamento di solo una lampada da parete, richiede uno schema da seguire minuziosamente. Illuminare una stanza non è un’attività banale e molto spesso si può incorrere in errori, anche banali. Esistono designer che si occupano solo di progetti di illuminazione, studiano il posizionamento e l’intensità della luce prodotta, la stanza e i punti da illuminare in maniera più forte, con una luce diretta e meno forte, utilizzando la luce d’ambiente o diffusa. Insomma si tratta di capire prima come intervenire in un progetto di illuminazione. Ma se siete degli inguaribili del fai da te, se vi piace creare ed essere creativi, allora sicuramente con un minimo di pratica e alcuni approfondimenti riuscirete a illuminare perfettamente la vostra abitazione. Per prima cosa è necessario decidere il posizionamento principale dei mobili: dove andrà il tavolo da pranzo? La scrivania-studio? La poltrona? Deciso questo si può partire, alternando luce diretta in questi punti, ed indiretta nel resto della stanza. Approfondiamo quindi come una lampada da parete o anche appliques può aiutarci e di come posizione e tipologia possono essere determinanti nell’arredamento moderno. Il loro posizionamento varia in base all’arredamento e alla sua dislocazione dei mobili e dei complementi d’arredo a cui dare maggior risalto grazie alla luce. La luce prodotta da una lampada da parete è sicuramente più suggestiva rispetto alla luce dei lampadari da soffitto ed è per questo che generalmente le due si completano a vicenda donando alla stanza un tocco di personalità maggiore. Le  stanze che più adatte al posizionamento di questo tipo di punti luce sono il soggiorno e la camera da letto. In soggiorno si possono posizionare in prossimità del tavolo come luce aggiuntiva ad una lampada da sospensione, per creare un’atmosfera più vivace  e familiare, oppure nelle vicinanze del divano o delle poltrone creando così anche una zona lettura confortevole. Spostandoci nella camera da letto è utilissimo applicarle ai lati del letto matrimoniale. Queste luci tenderanno ad illuminare e ad arredare la stanza. Oppure se vogliamo osare un po’ di più possiamo decidere di utilizzare al posto  di due luci laterali, con un’unica luce formata da una barra a led.

appliques in gesso

appliques in gesso

Le soluzioni sono molteplici ed il mercato ormai ha una risposta per ogni nostra richiesta. Troviamo soluzioni adatte ad ogni tipo di arredamento, dal classico al moderno. I materiali sono lavorati in modo tale da ottimizzare al massimo la fonte di luce. E le forme possono essere a volte dei semplici segmenti, come la barra, ed altre volte la luce da parete può assomigliare ad un oggetto di antiquariato. [grazie barbara]

 

Pubblicazione di Rossi Stucchi – Stucchi, cornici, colonne e rosoni decorativi in gesso.

Sistema SEGMENT di Lucifero’s

Sistema di illuminazione modulare a luce a proiezione. Minimalista nella concezione arricchisce l’ambiente di luce e tecnologia per soddisfare le esigenze del comfort quotidiano.

I moduli finiti hanno una lunghezza minima di 608.

mm e massima di 3558 mm. I cablaggi proposti vanno dalla sola luce fluorescente t5 o con nuova tecnologia seamless a proposte di luce mista dove si coniuga ad una luce di superficie ad una luce d’accento data dai fari spot alogeni qr111 o led. Il tutto può essere accessoriato di proiettori opzionali che possono essere applicati in qualsiasi punto del profilo.

Il sistema SEGMENT dal design compatto e minimalista è predisposto per poter integrare alla luce le ultime tecnologie: pannetto touch panel eyeon con funzioni di controllo e comando dell’impianto domotico. dal modulo è possibile gestire le luci, le prese, le temperature, l’irrigazione, le automazioni e gli scenari;
elemento vitrum con funzione di accendi spegni e pulsante normalmente aperto;
modulo audio per la diffusione di musica nell’ambiente.www.luciferos.it

La domotica nelle ristrutturazioni: Vimar un’eccellenza italiana.

la domotica di vimarSolitamente le immagini ricorrenti che si associamo a dei lavori di ristrutturazione raffigurano prodotti per le costruzioni come il cemento e la calce, le piastrelle e le vernici, dimenticando  una delle componenti fondamentali che renderà la nostra abitazione fruibile, confortevole ed  a misura d’uomo: l’impianto elettrico o meglio la componente “elettronica” della nostra casa (visti gli sviluppi tecnologici del settore).

la domotica di vimarOggi quindi, più di prima, è facile parlare di “domotica. Che coasa è la domotica? Wikipedia la definisce come “la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa “casa”. Questa area fortemente interdisciplinare richiede l’apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, automazione, elettrotecnica, elettronica, telecomunicazioni ed informatica.” (http://it.wikipedia.org/wiki/Domotica).

Vi presentiamo quindi uno degli interventi di domotica più interessanti realizzato dall’Arch. Francesco Santoni presso la residenza privata nelle colline toscane di Arezzo. La residenza presenta un nucleo originario risalente al XVIII secolo e comprensivo di una dependance ristrutturata. Lo stile minimalista degli arredi si accompagna con la raffinatezza della costruzione per ambienti che, grazie all’intervento realizzato ritrovano l’originale splendore unitamente con il confort della tecnologia moderna.

Il confort, parola chiave dell’intervento realizzato, si esprime nella scelta di un sistema domotico., il By-me di Vimar, in grado di rendere gli ambienti confortevoli ed eleganti allo stesso tempo. Il sistema assicura il controllo totale dell’illuminazione, delle finestre oscuranti, della videocitofonia in modo semplice, veoloce ed intuitivo. Tutte le funzioni possono essere richiamate da un touch screen da 4,3 pollici, che controlla anche il funzionamento dei punti luminosi. Dal touch – screen si possono scegliere diverse preinpostazioni come la modalità “presentazione” che attiva le luci focalizzate sulle diverse opere d’arte presenti all’interno della villa, la modalità “luce diffusa” utilizzata per i momenti di quotidianità in veranda, oppure la modalità “passaggio” che illumina i corridoi.

Per informazioni più dettagliate sulla domotica: www.vimar.eu